• PRESCOTT STUDIO
    Sopratitoli
    e titolazione multilingua
    per lo spettacolo dal vivo.

Servizi

1Sopratitoli in due lingue o in una lingua per il teatro musicale o di prosa
Attivo in Europa da tre decenni, questo è il sistema più diffuso, semplice ed economico per assicurare al pubblico dello spettacolo dal vivo un efficiente servizio di mediazione linguistica. La versione mono-lingua è la più popolare. Quella bi-lingue, di recente affermazione, è rivolta a un pubblico cosmopolita, come quello dei festival internazionali o dell’opera lirica.

2Sopratitoli per tournées teatrali nazionali e internazionali
È un servizio che consente alle grandi produzioni teatrali in tournées di garantire a pubblici e a contesti ambientali diversi, per quanto riguarda i sopratitoli, un costante livello qualitativo. Ciò vale sia a livello nazionale che internazionale, dove la mediazione linguistica, dovendo confrontarsi con Paesi diversi, diventa in modo più esplicito mediazione culturale.

3Sopratitoli con didascalie sceniche per opere in forma di concerto
Il teatro musicale, a differenza della prosa, può essere presentato anche senza messinscena, ossia «in forma di concerto», in esecuzioni che privilegiano l’ascolto. In tali occasioni, alla traduzione-adattamento del testo cantato è integrata una scelta di didascalie sceniche che consente al pubblico di contestualizzare drammaturgicamente i testi dei sopratitoli.

4

Titolazione multilingua per dispositivi mobili o per display cablati
L’introduzione delle opzioni multilingua, delle tecnologie wireless, nonché l’affermarsi del Web 2.0, ha portato, nell’ambito della titolazione per lo spettacolo dal vivo, all’impiego di nuove piattaforme come i dispositivi mobili (smartphone, tablet, occhiali 2.0) o i display cablati multifunzione. Contesti tecnici, questi, che richiedono specifiche soluzioni testuali.

5Sopratitoli per spettatori ipo-udenti
La lettura di testi sincronizzati e adattati con specifici parametri a eventi teatrali può essere di grande aiuto per spettatori con imparità sensoriali come i soggetti ipo-udenti. Si tratta di un sostegno abituale per la televisione (in forma di sottotitoli) e da poco presente nelle sale cinematografiche. Per il teatro, è un prezioso passo avanti per accrescere e qualificare la partecipazione.